per le classi seconde A,B,C,D

Scegliere una delle due domande, secondo il vostro orientamento:

1) Sono convinto di continuare gli studi, perchè……..

2) Preferirei non proseguire gli studi, perchè……..

Ricordate che queste risposte sono molto importanti, perchè  vorrei avere, nelle classi terze, ragazzi almeno motivati, anche se non tanto studiosi!! i

 

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

classi II^A,B,C,D

SCHEDA SUGLI ORGANI COSTITUZIONALI

La Costituzionecolloca al centrodella vita politica delPaese il Parlamento,unico organo elettodirettamente dalpopolo e quindiespressione dellavolontà popolare.Il Parlamentodetermina l’indirizzopolitico che lo Statodeve seguire, edesercita un controllopolitico sul Governo.Il Parlamento italianoè costituito dalSenato dellaRepubblica e dallaCamera dei Deputati,che svolgonosostanzialmente lestesse funzioni: lasua struttura èperciò “bicamerale”
L’Italia è una Repubblicaparlamentare, nella quale il potere legislativo appartieneall’organo direttamenteespresso dal corpo elettorale, il Parlamento.Quest’ultimo deve anche conferire la fiducia al Governo,senza la quale lostesso Governo non può esercitare le suefunzioni.Il Presidente dellaRepubblica, eletto dalParlamento in sedutacomune con lapartecipazione deirappresentanti regionali,ha un ruolo istituzionalefondamentale ecentrale, che trova lasua espressionesuprema nellarappresentanzadell’unità nazionale a luiattribuita dallaCostituzione.

Rispondi alle domande, con l’aiuto dei  tuoi appunti, del libro di testo e internet.

1) Quale funzione esercita il Parlamento?

2) Come si chiamano le due Camere e da quante persone sono composte?

3) Il Governo da quale organo viene nominato?

4) Che rapporto esiste tra Governo e Parlamento?

5) Spiega l’espressione “crisi di governo”

6) Quali sono le fasi di formazione del governo?

7) Cosa significa “maggioranza parlamentare”?

8) Ad oggi da quali partiti è composta la maggioranza e la minoranza (opposizione)?

9) Scrivi i nomi dei ministri che compongono il Governo, indicando il partito di appartenenza.

10) In quale situazione si possono decidere elezioni anticipate del Parlamento?

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Cassi II^ A,B,C,D


Completa la filastrocca e individuerai gli elementi dell’emblema, simbolo della Repubblica Italian

È dentata e sullo sfondo forma quasi un girotondo.È d’acciaio e non è d’oroe significa lavoro.Non è piena, anzi è vuotaÈ una vera e propria _ _ _ _ _

Della natura d’Italia espressione simbolo di pace nella nazione,di concordia e fratellanza.I suoi frutti danno olio in abbondanza.Qui sopra lo vedo, qui sotto lo scrivoè un ramo di _ _ _ _ _

Oggetto antico del firmamentobrilli di luce, sei un portento.Se sei cadente lasci una scia,ai marinai detti la via.La notte illumini e fai bellasei una _ _ _ _ _ _

Al ramo di ulivo fa compagnia in perfetta simmetria.Esprime forza e dignità,degli antenati la storia sa già.A scoprir che cos’è ti diamo una mano di _ _ _ _ _ _ _ è un ramo

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

classe II^ A,B,C,D

Qui di seguito sono riportate alcune coppie di parole importanti utilizzate nei primi 12 articoli della Costituzione e che possono aiutare a capire il testo della Costituzione.Cerca il loro significato o prova dare una tua definizione

.Libertà – Uguaglianza

Autonomia – Decentramento

Sviluppo – Ambiente

Libertà – Ricerca

Diritto nazionale – Diritto internazionale

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

per le classi prime

Domande:

1) qual è la definizione di Fonte del diritto?
2)cosa significa il principio di gerarchia delle fonti?
3) La Costituzione da quale organo è stata scritta?
4) Cosa successe il 2 giugno 1946 in Italia?
5) Quali sono le fonti di produzione del diritto? Indicale in ordine gerarchico
6) Definisci i decreti legge e i decreti legislativi
7) Perchè il governo deve emanare i regolamenti di attuazione di una legge?
8) Qual è l’organo competente ad emanare i decreti legge? per quale motivo è diverso dal Parlamento?
9) Cosa sono le norme dell’U.E.?
1o) Spiega cosa e quali sono le fonti di cognizione?

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

carta dei Valori, della Cittadinanza e dell’Integrazione

DIGNITA´ DELLA PERSONA, DIRITTI E DOVERI
1. L´Italia è impegnata perché ogni persona sin dal primo momento in cui si trova sul territorio italiano possa fruire dei diritti fondamentali, senza distinzione di sesso, etnia, religione, condizioni sociali. Al tempo stesso, ogni persona che vive in Italia deve rispettare i valori su cui poggia la società, i diritti degli altri, i doveri di solidarietà richiesti dalle leggi. Alle condizioni previste dalla legge, l´Italia offre asilo e protezione a quanti, nei propri paesi, sono perseguitati o impediti nell´esercizio delle libertà fondamentali.

2. Nel prevedere parità di diritti e di doveri per tutti, la legge offre il suo sostegno a chi subisce discriminazioni, o vive in stato di bisogno, in particolare alle donne e ai minori, rimovendo gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona.

3. I diritti di libertà, e i diritti sociali, che il nostro ordinamento ha maturato nel tempo devono estendersi a tutti gli immigrati. E´ garantito il diritto alla vita dal suo inizio fino al compimento naturale, e il diritto alla salute con le cure gratuite quando siano necessarie; una protezione speciale è assicurata alla maternità e all´infanzia. Il diritto all´istruzione è riconosciuto quale strumento indispensabile per la crescita personale e l´inserimento nella società.

4. L´uomo e la donna hanno pari dignità e fruiscono degli stessi diritti dentro e fuori la famiglia. Alle donne, agli uomini, ai giovani immigrati l´Italia offre un cammino di integrazione rispettoso delle identità di ciascuno, e che porti coloro che scelgono di stabilirsi nel nostro Paese a partecipare attivamente alla vita sociale.

5. L´immigrato può, alle condizioni previste dalla legge, diventare cittadino italiano. Per ottenere la cittadinanza nei tempi previsti dalla legge occorre conoscere la lingua italiana e gli elementi essenziali della storia e della cultura nazionali, e condividere i principi che regolano la nostra società. Vivere sulla stessa terra vuol dire poter essere pienamente cittadini insieme e far propri con lealtà e coerenza valori e responsabilità comuni.
LAICITA´ E LIBERTA´ RELIGIOSA
20. L´Italia è un Paese laico fondato sul riconoscimento della piena libertà religiosa individuale e collettiva. La libertà religiosa è riconosciuta ad ogni persona, cittadino o straniero, e alle comunità religiose. La religione e la convinzione non possono essere motivo di discriminazione nella vita sociale.

21. Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Lo Stato laico riconosce il contributo positivo che le religioni recano alla collettività e intende valorizzare il patrimonio morale e spirituale di ciascuna di esse. L´Italia favorisce il dialogo interreligioso e interculturale per far crescere il rispetto della dignità umana, e contribuire al superamento di pregiudizi e intolleranza. La Costituzione prevede accordi tra Stato e confessioni religiose per regolare le loro specifiche condizioni giuridiche.

22. I principi di libertà e i diritti della persona non possono essere violati nel nome di alcuna religione. E´ esclusa ogni forma di violenza, o istigazione alla violenza, comunque motivata dalla religione. La legge, civile e penale, è eguale per tutti, a prescindere dalla religione di ciascuno, ed unica è la giurisdizione dei tribunali per chi si trovi sul territorio italiano.

23. La libertà religiosa e di coscienza comprende il diritto di avere una fede religiosa, o di non averla, di essere praticante o non praticante, di cambiare religione, di diffonderla convincendo gli altri, di unirsi in organizzazioni confessionali. E´ pienamente garantita la libertà di culto, e ciascuno può adempiere alle prescrizioni religiose purché non contrastino con le norme penali e con i diritti degli altri.

24. L´ordinamento tutela la libertà di ricerca, di critica e di discussione, anche in materia religiosa, e proibisce l´offesa verso la religione e il sentimento religioso delle persone. Per la legge dello Stato, la differenza di religione e di convinzione non è di ostacolo alla celebrazione del matrimonio.

25. Movendo dalla propria tradizione religiosa e culturale, l´Italia rispetta i simboli, e i segni, di tutte le religioni. Nessuno può ritenersi offeso dai segni e dai simboli di religioni diverse dalla sua. Come stabilito dalle Carte internazionali, è giusto educare i giovani a rispettare le convinzioni religiose degli altri, senza vedere in esse fattori di divisione degli esseri umani.

26. In Italia non si pongono restrizioni all´abbigliamento della persona, purché liberamente scelto, e non lesivo della sua dignità. Non sono accettabili forme di vestiario che coprono il volto perché ciò impedisce il riconoscimento della persona e la ostacola nell´entrare in rapporto con gli altri.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento